By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Ἄγριος (Àgrios)
AGRIO
1. Gigante ucciso dalle Moire insieme con Toòne nella Gigantomachia, mentre i due figli di Gaia combattevano contro gli dèi; Apollod. Bibl. 1, 6, 2.
2. Figlio di Porteo e fratello di Eneo (re di Calidone in Etolia, nonno di Diomede) e di Mela, con i quali viveva a Pleurone (Hom. Il. 14, 116-118). Ha sei figli, fra cui Tersite, i quali privano Eneo del potere in favore del loro padre, prima di partire per la guerra di Troia (Apollod. Bibl. 1, 8, 68).
Secondo Igino, dopo la caduta della città, Diomede, avendo saputo del fallimento dell'avo, spodesta Agrio, che per questo si suicida (Hygin. Fab. 175, 242 e Antonin. Lib. Metam. 37, 1).
3. Centauro cacciato da Eracle con un lancio di carboni infuocati, dopo essere accorso, perché attirato dall'odore del vino, presso l'otre di Folo, aperto durante la quarta fatica del semidio, che era di passaggio in Arcadia (Apollod. Bibl. 2, 5, 4).
4. Fratello di Oreio, è un gigante tracio nato dall'unione di Polifonte con un orso; viene trasformato dagli dèi in avvoltoio per punirlo della sua crudele bestialità (Antonin. Lib. Metam, 21).
5. Figlio di Circe e di Odisseo, fratello di Latino e di Telegono (Hes. Theog. 1011-1014).
Derivato direttamente dall'aggettivo ἄγριος, "selvaggio", "non addomesticato", ed anche "feroce", "violento"; Von Kamptz, Homerische Personennamen § 4 b 1, p. 14, lo accosta al composto Μελέαγρος, Meleagro, non a caso suo nipote.
Poiché la campagna, zona selvaggia, è normalmente destinata ad attività connesse alla caccia, si spiega facilmente che il termine ἄγριος possa significare sia "colui che coltiva la terra" (Chantraine, DELG, s. v. ἀγρός) che "colui che caccia nel territorio selvaggio".
Ingrid Leschiutta

Category Names of heroes
Images

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari