By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Πυγμαλίων (Pygmalíon)
PIGMALIONE
1. re di Tiro che uccise per avidità il marito di sua sorella Elissa-Didone (Δειδὼ, detta dai Fenici Θειοσσώ), secondo Timeo (FGrHist 566 F82, = Anon. de mulier. 6 p. 215 West). Celebre la versione poetica che ne darà Virgilio (Aen. 1, 343-364 e passim);
2. re di Cipro, anche lui di origine fenicia (Porphyr., De abst. 4, 15, 1), che s'innamorò di una statua d'avorio raffigurante Afrodite e si comportava con lei come fosse una donna vera (Clem. Alex. Protr. 4, 57, 3).
In Ovidio (Metam. 10, 243-299) scolpí lui stesso la statua femminile e ottenne da Venere che diventasse animata; dalla loro unione nacque Pafo, nonno di Mirra.

Due le ipotesi etimologiche principali. Chantraine, DELG, s. v. πύξ, seguendo Ruijgh, Élément achéen, p. 136, ipotizza l’origine fenicia del nome, dimostrata con motivazioni convincenti da Hüsig (in Roscher, Myth. Lex. III col. 3318).
Una seconda ipotesi, accolta da Gauly, Der Neue Pauly 10, 2001, s. v. Pygmalion, riconduce il nome a πυγμή, "pugno" (cfr. J.-L. Perpillou, Pygmalion et Karpalion, in J.-P. Olivier (éd.), Mykenika 1992, pp. 527-532); cosí Carnoy, (DEMGR s. v.) lo ritiene una forma familiare per πυγμάχος, "che combatte con i pugni".
Il legame di P. con l’isola di Cipro, presente già in Ellanico, FGrHist Fr. 57 (= 57 Fowler, da Steph. Byz. s. v. Καρπασία), secondo il quale sarebbe il fondatore della città di Carpasia, rende assai probabile l'origine fenicia del nome.
Ilaria Sforza

Category Names of heroes
Images

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari