By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Τιτάνες (Titanes)
TITANI
Figli di Urano e di Gaia (Hesiod. Theog. 134-138; Apollod. Bibl. 1, 1, 3).
La parola presenta la stessa uscita, peraltro mal spiegata, dei nomi di popoli come Ἀθαμάνες, Ἀκαρνάνες, ecc. Un'interpretazione popolare si trova in Hesiod. Theog. 207-210: Τοὺς δὲ πατὴρ Τιτῆνας ἐπίκλησιν καλέεσκε / παῖδας νεικείων μέγας Οὐρανὸς οὓς τέκεν αὐτός / φάσκε δὲ τιταίνοντας ἀτασθαλίῃ μέγα ῥέξαι / ἔργον, τοῖο δ' ἔπειτα τίσιν μετόπισθεν ἔσεσθαι. Come dice Strunk ("Glotta" 38, 1959, p. 83) Urano diede a questi suoi figli il nome Τιτῆνες perché "volevano andare molto avanti" (τιταίνοντας) e profetizzò loro che li avrebbe piú tardi raggiunti la punizione (τίσιν) per il loro misfatto. Con τιταίνοντας e τίσιν il poeta dà senza dubbio due diverse etimologie per il nome di Τιτῆνες. La prima comprende con τιταίν-οντας l'assonanza con Τιτῆν-ες; senza la monottonghizzazione di -αι con la voce - e - aperta, questa assonanza non sarebbe possibile.
Solmsen ("Indog. Forsch". 30, 1912, p. 35 n. 1) riporta un'etimologia già presente nello scolio A all'Iliade 14, 274: Τιτάν, ion. Τιτήν sarebbe un derivato di τιτός, "onorato, rispettato", participio di τίω. Il nome avrebbe così un significato generale di "venerato, rispettato".
Ipotesi interessante è quella di Nehring ("Glotta" 14, 1925, pp. 167 ss.), secondo il quale i Titani sarebbero originari dell'Asia Minore. Ipotizza inoltre che Τιτάν sia un dio solare.
Carnoy (DEMGR) concorda con questa proposta e spiega il nome tramite il pelasgico, come derivato da tita, "splendore, luminosità", parola derivata da deia, "brillare" (cfr. albanese dite, "giorno").
Carla Zufferli

Category Names of gods
Homerica

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari