By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Ἄρτεμις (Àrtemis)
ARTEMIDE
Dea figlia di Latona e di Zeus, sorella di Apollo (Hes. Theog. 918).
Il nome è già presente in miceneo nella forma al genitivo A-te-mi-to, Ἀρτέμιτος (PY Es 650.5) e forse al dativo A-ti-mi-te, in greco Ἀρτεμίτει (PY Un 249.5) con tema in t- invece che in d -. Ha origine asiatica ed è attestato in iscrizioni lidie come artimus (Heubeck, Lidiaka, pp. 22-25).
Meno probabile secondo Chantraine (DELG) la derivazione da un illirico *artos, perché la dea era conosciuta già in miceneo. Sono stati fatti diversi tentativi di ricollegare il nome al greco: è stato confrontato ad ἄρτος, "orso", ma questa in greco è una forma secondaria (Chantraine, DELG); ad ἄρταμος, "macellaio" (Kretschmer, "Glotta" 27, 1939, pp. 33-34), ma la grafia Ἄρταμις riposa probabilmente su un'etimologia popolare (Chantraine, ibidem). Anche il confronto con ἀρτεμής (già in Plat. Crat. 406 b), "sano e salvo, intatto" non porta a nessun risultato.
Carnoy (DEMGR) propende per l'ipotesi che si tratti di una derivazione pelasgica dell'indoeuropeo *ered, con passaggio d > t. Van Windekens ("Beitr. Namenf." 9, 1958, pp. 163-67) interpreta il nome come in rapporto ai corsi d'acqua Ἀρτάνις, Ἀρτισκός in Tracia, risalendo alla stessa radice di Carnoy; il suffisso - em -, - am - si ritrova in altri idronimi. Il nome significherebbe allora "quella dell'acqua, della fonte, del fiume", in cui il suffisso -id -, - it - indicherebbe un patronimico femminile.

Carla Zufferli

Category Names of gods
Homerica

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari