By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Λήδα (Leda)
LEDA
Figlia del re d'Etolia Testio e di Euritemide, moglie di Tindareo; in una stessa notte si unirono a lei il marito e Zeus in forma di cigno: ebbe Polluce ed Elena dal dio, Castore e Clitemnestra da Tindareo (Apollod. Bibl. 1, 7, 10; 3, 10, 5 ss.).
Secondo la maggior parte degli studiosi (Chantraine, DELG; von Kamptz, Homerische Personennamen, p. 49 e Room, Room's Classical Dictionary, p. 184) questo nome è probabilmente un prestito dal licio lada, "donna, sposa".
Carnoy (DEMGR), invece, ritiene che tale nome sia imparentato con λήθη, "oblio" e che si tratti di una parola pelasgica, in cui si sarebbe avuto il passaggio τη > δ; a sostegno di ciò afferma che i Dioscuri nella tradizione indoeuropea sono figli del Giorno e della Notte, quindi Leda sarebbe la Notte.
Carla Zufferli

Homerica
Images

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari