By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Μῶλος (Molos)
MOLO
Nome di
1. uno dei figli che Ares ebbe da Demonice, figlia di Agenore ed Epicasta (Apollod. Bibl. 1, 7, 7), e
2. del figlio di Deucalione, fratellastro di Idomeneo e Crete, padre di Merione (Diod. Sic. 5, 79, 4; Apollod. Bibl. 3, 3, 1). Anche il nonno dei Molionidi aveva questo appellativo, ma secondo Grimal (DMGR) si tratterebbe di un nome inventato per spiegare quello dei nipoti.
Carnoy (DEMGR) richiama il verbo μολύνω, "insozzare", che secondo Chantraine (DELG, s. v. μολύνω) è un denominativo in -υνω, tratto da un ipotetico *μόλος; questo verbo viene inserito da Pokorny (Indog. Etym. Wört., p. 720 s.) in una famiglia di aggettivi indicanti colori, come ad esempio μέλας, "nero".
Mühlestein (Homerische Namenstudien, p. 43 n. 11) evoca invece il verbo μολεῖν (βλώσκω) e traduce il nome con "colui che avanza, che incede" (cfr. Molió). Anche von Kamptz (Homerische Personennamen, pp. 245-46) propende per questa ipotesi.

Carla Zufferli


Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari