By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Μῆλος (Melos)
MELO
Giovane di Delo che si recò a Cipro, dove prese in moglie Pelia, sacerdotessa di Venere e parente del re Cinira, e ne ebbe un figlio che portava il suo stesso nome. Alla morte di Adone, Melos padre, che era stato suo amico, si impiccò ad un albero, che da lui prese il nome di melo, perché la stessa Venere (Afrodite) lo aveva trasformato in quella pianta.
Il figlio, chiamato come il padre, una volta cresciuto, tornò a Delo e vi fondò una città; e avendo insegnato alle genti del luogo ad allevare le pecore, esse presero il suo nome, ed è per questo che si chiamano μῆλα (Serv. auct. ad Verg., Ecl. 8, 37).
Un'analoga eponimia, ma senza descrivere le vicende del personaggio, è attribuita allo storico Arriano (Fr. 58) in Eustath. Comm. ad Dionys. Perieg. 21, 530. p. 320.
Il nome infatti dovrebbe derivare da μῆλον, "mela", dor. μᾶλον (Frisk, Gr. Et. Wört., s. v. μῆλον), e sembra che la storia, che appare tardiva, sia stata inventata proprio per ottenere una facile eziologia di un termine con due significati.
Carnoy (DEMGR), invece, ritiene che si tratti di un'etimologia popolare e che il nome, essendo anche quello di un'isola, derivi dall'indoeuropeo *melo- e significhi "montagna". Pokorny (Indog. Etym. Wört. p. 721), però, non riporta nessuna parola greca che derivi da questa radice col significato di "montagna".
Pellizer - Zufferli

Category Names of heroes

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari