By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Μενεσθεύς (Menesthèus)
MENESTEO
Eroe attico figlio di Peteòo, nipote di Eretteo; rimase sul trono di Atene fino al ritorno di Teseo dagli Inferi, dopodiché si ritirò a Sciro (Hom. Il. 2, 552 ss.; Plut. Vita Thes. 32).
Da collegare probabilmente a μενεαίνω, "desiderare vivamente, essere preso da furore", a sua volta un derivato da μένος, che indica la passione, l'ardore (Frisk, Gr.Et.Wört. s. v. μένω e Chantraine DELG, s. v. μέμονα).
Secondo Perpillou (Les substantifs grecs en -εύς, § 197) si tratta della consueta forma ipocoristica per Μενε-σθένης, "colui che resiste alla forza", σθένος, o "colui che resiste con forza", cfr. l'aggettivo μενε-χάρμης e l'antroponimo Μενέχαρμος, "colui che resiste nella battaglia, nella mischia".
Pellizer - Zufferli

Category Names of heroes
Homerica

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari