By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Ἄβδηρος (Àbderos)
ABDERO
Figlio di Ermete o di Posidone e della ninfa Thronia (Pind. Paean. 2, 1-2; 104-106), di origine locrese, eròmenos di Eracle, lo accompagnò in cerca delle cavalle antropofaghe di Diomede, dalle quali fu divorato (Apollod. Bibl. 2, 5, 8). L'eroe fondò presso la sua tomba la città di Abdera sulla costa tracia, cfr. Hellan. Lesb. Fr. 105 Fowler (= Steph. Byz. s. v. Ἄβδηρα), alle foci del fiume Nestos.
Secondo Filostrato, che descrive un quadro raffigurante in modo vivace le esequie di A., Imag. 2, 25 non avrebbe fondato solo la città, ma anche agoni annuali di tutti gli sport, tranne le corse coi cavalli, per comprensibili ragioni.

Sembra da escludere un collegamento con δῆρις "lotta", (Room's Classical Dictionary) per intenderlo come "figlio della battaglia".
Forse collegabile alla glossa esichiana ἄβδης· μάστιξ (in Ipponatte), nel qual caso potrebbe significare "l'uomo della frusta"; potrebbe anche essere di origine non greca.

Ezio Pellizer

Category Names of heroes
Theme Eponymism
Images

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari