By name By transliteration By category By theme pdf Login
Español Français English Português Català Català


Δηϊδάμεια (Deidàmeia)
DEIDAMIA
Nome di diverse eroine, tra cui:
1. una delle figlie di Bellerofonte, madre di Sarpedone (Diod. Bibl. 5, 79); in Hom. Il. 6, 197, è chiamata Laodamia;
2. moglie di Piritoo (Plutarch. Thes. 30, 3; forse da integrare in Esiodo (Fr. 280, 27 M.-West), dove anche Ippodamia è possibile; cfr. Hom. Il. 2, 742;
3. una delle figlie di Licomede, generò Neottolemo con Achille quando l’eroe giovanissimo fu nascosto dalla madre Teti a Sciro in abiti femminili (Cypria F 19 (I, II) 21 Bernabé; [Bion.], Epithal. Achill. 5-9; 22-31; Apollod. Bibl. 3, 13, 8).
Dovrebbe trattarsi di un composto di δήϊος, "distruttore, nemico", aggettivo omerico che si ricollega alla nozione di "battaglia", δηϊοτής, δηΐς. Si può accostare a numerosi antroponimi di significato analogo, come Deifobo, Deifono, Deifonte, quest'ultimo attestato nel miceneo Da-i-qo-ta KN Da 1164.B, (J. Chadwick, L. Baumbach, The Mycenaean Greek Vocabulary, "Glotta" 41, 1963, p. 181; cfr. P. Kretschmer, "Glotta" 10, 1920, 49).
Nella seconda parte è un composto del verbo δάμνημι, "domare", come Ippodamia, Laodamia, e il suo corrispettivo maschile Laodamante.
Significherebbe pertanto "colei che doma i nemici" oppure "colei che abbatte distruggendo", restando sempre possibile che il nome sia un "epiteto" delle imprese e virtú paterne.
Ilaria Sforza

Category Female names

Università degli Studi di Trieste - Dipartimento di scienze dell'Antichità "Leonardo Ferrero"
Copyright : Pellizer-Zufferli-Marzari